AMORE “visto” con i TAROCCHI. Una cartomante racconta, una “donna” riflette!

0 961

Amore non sempre è felicità  
  In realtà più che raccontare vorrei riflettere sull’argomento. Pratico la cartomanzia da oltre 20 anni, anche se in modo diverso, non ristretto al ruolo convenzionale della cartomante.
  Questo mi porta ad ascoltare storie di vita e vedere la loro evoluzione nel tempo, dove spesso le carte, passano in secondo piano, mentre prevale il lato umano.

                     (aggiornato) Venerdì, 23 Agosto ’13
                      {loadposition promo_contenuti}

  Ciò che risalta in questi ultimi anni è la progressiva “debolezza” dei maschietti che spesso si trasforma in violenza fisica e psicologica degli stessi verso le donne.

   Personalmente, quando mi accorgo di trovarmi di fronte a vittime di violenza suggerisco di rivolgersi ad amici, parenti ed associazioni preposte alla tutela della donna, ma molte volte, ogni mio appello alla ragione viene inascoltato.
  Anche se rari, ci sono anche episodi in cui la vittima non è la donna, ma il maschio, che mai confesserebbe ad un suo familiare o amico di subire violenza dalla compagna o dalla moglie, per paura di essere deriso.
  E’ più facile raccontare ad una sconosciuta i fatti propri, soprattutto se non si viene giudicati ma semplicemente ascoltati!

  Quanto scrivo non riguarda solo gli amori clandestini, ma anche le così dette coppie regolari ove il silenzio prevale su ogni altro ragionevole principio.
Alcune false ed errate convinzioni stravolgono i rapporti d’amore, da cui dovrebbe scaturire solo felicità ed invece si rivelano rapporti frustranti, sterili e deleteri.

  La domanda più anomala che mi viene fatta durante un consulto è: – Ma lui è geloso di me ? – come se il grado di gelosia determinasse il grado di amore.
  In realtà il Lui della storia, dimostra estrema gelosia nei confronti della fidanzata, compagna o moglie, solo per costringerla a rimanere a casa, quindi al riparo di eventuali distrazioni, o ancora peggio per isolarla dal resto del mondo e quindi renderla più malleabile e condizionabile al suo volere “perverso” e vigliacco, perché Lui non è in grado di superare un confronto con altri corteggiatori.
La gelosia non è il giusto parametro per valutare i sentimenti
  Come per le sette, gruppi religiosi e similari vi suggerisco di diffidare da coloro che vogliono isolarvi da parenti e amici; idem dicasi per maghi e carismatici di varia natura.
  Chi veramente vi ama e vi rispetta, non esclude dalla vostra vita, altre persone che vi amano, togliendovi sicurezza, affetti e riferimenti.

  Spesso quando un uomo esercita un controllo ossessivo sui vostri spostamenti, chiedendovi dove siete, con chi, cosa fate,… non è perché vi ama, ma semplicemente perché non vuole essere scoperto nel “navigare” in storie parallele tradendovi ignobilmente. Il costringervi a rimanere a casa ad aspettare la telefonata, lo mette al riparo dall’essere smascherato.

   Molte telefonate riguardano anche i rapporti intimi dove il compagno chiede delle prestazioni sessuali che violentano psicologicamente la compagna/o che subisce passivamente il sopruso, sperando in questo modo di legare a se l’amato/a.
  Lui o Lei chiedono ed impongono atti estremi che distruggono l’autostima della controparte, facendole intraprendere una strada senza ritorno.

   Alcune volte ho verificato metodi di interpretazione delle carte (Tarocchi) e di altri metodi di divinazione, esercitato da pseudo colleghi, che per non perdere il “cliente” evitano di dire crude realtà, indorando la stessa con false illusioni o fantomatici legamenti d’amore, anche quando non ci sono presupposti per una buona riuscita.
Niente si crea dal niente, ma si trasforma! Ossia solo se c’è del sentimento, attrazione, interesse,… si può aumentare o diminuire, ma dal nulla, nulla nasce!

   Oggi ho voluto iniziare così, rispettando sentimenti altrui ma richiamando all’obbiettività tutti coloro che in questo momento vivono un sentimento.
  Se il compagno/a improvvisamente diradano le visite, i rapporti sessuali, i messaggi, le telefonate, …qualcosa è cambiato nel vostro rapporto di coppia e non accontentatevi di banali e assurde giustificazioni, ma cercate la verità.
  Fermo restando che se voi vivete bene in questo rapporto e consapevolmente vi accontentate , nessuno è in diritto di giudicarvi, ma il risultato di questa frequentazione deve essere felicità e non il pianto nella solitudine vissuta nell’attesa di un telefono che squilli.

                          Amore = Felicità,
             quando il Risultato è Diverso,
                  suggerisco di Riflettere!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.