UFO giugno tra Caldo, Alieni e Sorprese

0 21

UFO giugno tra Caldo, Alieni e Sorprese. Inizia con diversi avvistamenti lungo tutto lo stivale. Video e segnalazioni, favoriti anche dal meteo clemente, aumentano.

.(agg.ato) Domenica 17giugno ’18  h 10.10

17 giugno 2018

.

.

 

 

 

 

 

 

 

 

” … Una nube di satelliti artificiali, molto simile a quella che ormai circonda la Terra: anche se al giorno d’oggi è ancora difficile intercettarla, in un futuro non lontano potrebbe essere alla portata dei telescopi di nuova generazione …

.     http://www.meteoweb.eu/2018/06/alieni-civita-satelliti-artificiali/1110596/

_________________________

.11 giugno 2018

.

.Un “forte bagliore emanato da un oggetto non identificato che si è poi allontanato alla vista di due aerei probabilmente militari”. Sarebbe questo quanto accaduto nei cieli sopra Corio in base a quello raccontato da alcuni residenti del paese tra il Canavese e le valli di Lanzo. Il fatto si sarebbe verificato il 6 giugno alle 21

.     http://www.quotidianocanavese.it/cronaca/canavese-ufo-e-caccia-a-bassa-quota-c-e-anche-una-denuncia-17431

_______________________

.

Il miliardario russo Yuri Milner ha annunciato che investirà cento milioni di dollari in dieci anni per realizzare il più grande progetto mai tentato nell’ambito del programma SETI, Search for ExtraTerrestrial Intelligence.

L’annuncio è stato il 20 luglio 2015 a Londra nella prestigiosa sede della Royal Society. Il progetto, che si chiamerà “Breakthrogh Listen”, utilizzerà i radiotelescopi di Green Bank in West Virginia (Usa), di Parkes in Australia (foto) e il Lick Observatory di San José in California. Obiettivo: “ascoltare” almeno un milione di stelle nella Via Lattea e un centinaio nelle galassie più vicine con la speranza di captare un segnale artificiale.
Milner ha già coinvolto nel progetto numerosi scienziati di primo piano a cominciare dal fisico Stephen Hawking. “Passeremo da 24-36 ore di ascolto SETI all’anno a migliaia di ore con i migliori strumenti disponibili”, ha detto Andrew Siemon, uno dei leader del progetto. E Hawking, presente al lancio presso la Royal Society: “Non c’è interrogativo più grosso di quello sull’esistenza di alieni intelligenti. Nell’immensità dell’universo deve esserci altra vita.”

.https://www.corriere.it/esteri/15_luglio_20/nuovo-programma-ricerca-extra-terrestri-londra-hawking-ecf0c29a-2f04-11e5-820a-d82a668b1363.shtml

 

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.