India blachout – 300 milioni di persone senza luce. Effetto domino? No, effetto bowling, tutti a “terra”!

0 428

   Alle h. 2.30 della notte passata,
sette stati del Nord dell’India sono piombati nel buio totale. Il più grave blackout subito in quelle zone dal 2001.
  ULTIMA ORA: INDIA – New Delhi. Secondo blakout in 2 giorni.

                         {loadposition promo_contenuti}

     L’interruzione nella fornitura di energia elettrica,che oggi ha nuovamente colpito l’India, è più estesa ed i disagi sono triplicati.

Sono centinaia i minatori  rimasti intrappolati in una miniera di carbone di Burdwan, a circa 180 km da Calcutta, nell’est dell’India, a causa del secondo blackout. Al momento sono 600 milioni le persone rimaste senza corrente.

 http://www.repubblica.it/esteri/2012/07/31/news/india_blackout-40065337/?ref=HREA-1

 

h. 17.20. Recuperati e salvi i 200 minatori intrappolati in miniera.

  http://www.repubblica.it/esteri/2012/07/31/news/india_blackout-40065337/?ref=HREA-1

 

    Dai primi accertamenti, sembra che il sistema di fornitura elettrica, sia saltato nei pressi di Agra e l’effetto domino ha collassato la rete.
Il ministero ha informato che ci vorranno 12 ore per tornare alla normalità.
Treni bloccati, ospedali a rischio, aeroporti nel caos con voli a singhiozzo,…
http://www.msnbc.msn.com/

Immaginate se un fatto analogo accadesse in Italia, tenendo conto dell’afa di questi giorni, …? Niente condizionatore, ventilatore, uso frigo razionato, …; mezzi di trasporto, semafori, …; computer, elettrodomestici, ascensori, …; Telefoni, fax, ripetitori, …

 Al 1º gennaio 2011, l’Italia contava 60.626.442 di abitanti; ma per capire le proporzioni del blackout, provate ad immaginare se improvvisamente, oltre al nostro Paese l’energia fosse sospesa contemporaneamente in Svizzera, Austria, Germania e Francia!

                          {loadposition promo_contenuti}

    Solo pensarlo per pochi secondi vi assale la paura, smarrimento, angoscia,…
Che possa essere un avvertimento ad un risparmio ed un invito a cercare fonti alternative più "stabili"?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.