Cannibali dell’era moderna per Fede, Superstizione e Droga

0 91

    Fede per setta sanguinaria in Papua Nuova Guinea, Superstizioni in Cina, Droga in America, sono gli elementi che hanno innescato nelle ultime settimane, diversi casi di cannibalismo.(*)
  
News: La "droga del cannibale" è sbarcata in Italia.
http://247.libero.it/
                               {loadposition promo_contenuti}

 (*)   Arrestate 29 persone tra cui 8 donne in Nuova Guinea. Appartenevano ad una setta con oltre un migliaio di fedeli adepti. La setta avrebbe ucciso sette persone, mediante l’uso di coltelli che dichiarano essere dotati di poteri magici.

   Gli arrestati hanno detto: – “Abbiamo mangiato i loro cervelli crudi e asportato parti del loro corpo, come fegato, cuore, pene,… li  abbiamo cucinati. …”-. Dopo l’orrore ci si chiede “perché”, quale aberrante idea può aver armato le mani assassine?
Il gruppo era nato per combattere gli stregoni accusati di pratiche malvagie.
In Papua Nuova Guinea, la stregoneria è molto diffusa. Una parte  della popolazione consulta gli sciamani chiamati “Sangoma” per conoscere le cura per  alcune  malattie, la causa dei decessi, la protezione degli spiriti per i nuovi nati, la casa o il bestiame, oppure, per colpire ed annientare il nemico del momento.
I clienti insoddisfatti hanno deciso di punirli.
                                     http://www.ilsecoloxix.it/

Wang Chaoxu ha ucciso il figlio di 11 anni per poter mangiare il suo cervello. Antiche pratiche “curative” cinesi, narrano che mangiando il cervello dei bambini, si può guarire dall’epilessia.
Superstizione, ignoranza e follia hanno condannato il piccolo a morte.

    Il fatto è accaduto in Cina. L’orrore e lo sconcerto hanno travolto i poliziotti quando, durante l’arresto, l’uomo ha ammesso di avere assassinato il figlioletto  proprio per potersi cibare del suo cervello sperando di averne dei giovamenti a livello di salute.
http://wellthiness.wordpress.com/

Negli Usa è una nuova droga a far scattare impulsi cannibali nelle persone.
Il suo nome è "bath salts" – Sali da bagno, dal nome innocuo in realtàsi tratta di un coctail micidiale ossia un mix di cocaina, Lsd, ecstasy e metanfetamina.
L’ultimo episodio si è verificato a Palmetto, in Florida. Carles Baker 26 anni, si era recato a trovare i figli presso la casa della compagna da cui si era separato tempo prima. Il ragazzo, sotto l’effetto della droga, ha iniziato a urlare ed a   spaccare i mobili; poi si è spogliato ed ha aggredito il fidanzato dell’ex compagna “azzannandogli” il braccio e mangiandone la carne. Il malcapitato, è ferito e sconvolto, ma vivo.
Alla polizia si è presentata una scena allucinante,: vittima e cannibale insanguinati che urlavano come in un vero film horror. Baker, l’assalitore era molto agitato ed i poliziotti sono dovuti ricorrere alle scosse laser per bloccarlo.

Gli americani sono sotto choc anche perché a fine maggio uno studente di Baltimora aveva confessato di avere ucciso il compagno di stanza e di averne mangiato parte di cuore e cervello. Giorni prima in Florida, un altro ragazzo si è spogliato e ha ridotto in fin di vita un senza tetto per poi mangiargli l’80 per cento del volto.
http://affaritaliani.libero.it/
http://www.repubblica.it/

Sconvolgente la storia del porno attore cannibale. Sembra sia un serial killer e la polizia sta indagando per trovare eventuali altre vittime. In passato il suo nome, era stato legato all’omicidio di tre minori, in Canada, per il quale Magnotta si è però sempre professato innocente.
http://www.tio.ch/
http://www.julienews.it/
http://www.lettera43.it/

Rileggendo la cronaca nera dall’inizio del secolo ho trovato alcuni fatti che, collegati agli episodi di cannibalismo attuale, hanno innescato nella mia mente dubbi e angosce.
Russia 1933. Si eseguirono esperimenti sociali di sopravvivenza, che videro migliaia di "elementi socialmente nocivi" (criminali) deportati in aree completamente disabitate e prive di mezzi di sussistenza (Siberia).
Negli archivi storici russi, troviamo una delle testimonianze più raccapriccianti sulle folli sperimentazioni condotte in quegli anni all’isola di Nazino, l’ isola dei
cannibali (Ostrov ljudoedov).

  Furono trasferite 13.000 persone sull’isola, senza nessun tipo di assistenza o controllo. Molti uomini morirono di freddo e fame; altri si uccisero a vicenda o furono giustiziati; ma l’osservazione si estese anche ai numerosi episodi di cannibalismo senza intervenire in alcun modo, ma limitandosi allo studio comportamentale di uomini ridotti a cavie.
                  {loadposition promo_contenuti}

  Nel 1944 e 1945 furono documentati esperimenti di cannibalismo indotto, nel campo di sterminio di Chelmno (cittadina polacca di Chełmno nel Nerem).
Alcuni prigionieri venivano rinchiusi in una cella sotterranea senza cibo per diversi giorni. Dopo tempo, variabile per ogni sperimentazione, nella cella veniva calata una donna Rom completamente nuda e legata mani e piedi, insieme ad alcuni coltelli. I prigionieri venivano  invitati a servirsene come cibo quale  unica alternativa alla morte per fame. Inizialmente tutti si rifiutarono, ma in seguito, stremati dalla fame e disumanizzati dall’isolamento e dalla paura, alcuni di loro uccisero la zingara e si nutrirono delle sue carni.

    Diverso il caso che nel 1972, in seguito ad un incidente aereo vide protagonista  una squadra di rugby uruguayana rimasta isolata per 72 giorni su un ghiacciaio delle Ande. I 16 superstiti al disastro, sopravvissero cibandosi dei loro compagni morti sino all’arrivo dei soccorsi.

http://it.wikipedia.org

La nuova droga ed altri episodi di cannibalismo registrati in tutto il mondo, possono essere frutto di una nuova sperimentazione sugli esseri umani tesa a distruggere velocemente i freni inibitori, che impediscono ai militari la completa obbedienza, anche ad ordini contrari alla propria coscienza e razionalità?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.