Esorcismo: Troppo spesso la pratica è frutto di ossessione, malattia, ignoranza

0 91

  Esorcismo: pericolo reale, falsi profeti, vittime ignoranti...           Esorcismo in Malesia, muore bimba di 3 anni.
   Un tentativo di esorcismo è costato la vita di una bambina di tre anni; è morta per soffocamento durante il rito. [*]   

       (aggiornato) Venerdì, 30 Novembre ’12
         Anche i demoni scelgono Milano per i loro "affari". Sembra che la città dei grandi business, sia ottimale anche per il Diavolo.
                           
                              {loadposition promo_contenuti}

    Anche i demoni scelgono Milano per i loro "affari". Sembra che la città dei grandi business, sia ottimale anche per il Diavolo.
Raddoppiato il numero degli esorcisti.

     La curia ha istituito un centralino (02.8556457) per rispondere alle richieste di intervento. Al telefono vengono date informazioni sull’esorcista più vicino, orari di ricevimento e possibili "terapie" per i disturbi dichiarati.
     Il servizio è disponibile da Lunedì a Venerdì (h. 14.30 – 17); Sabato, Domenica e festivi, anche Satana si prende una pausa dalle fatiche della settimana!
http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/lombardia/articoli/1071031/esorcisti-la-curia-di-milano-attiva-un-centralino.shtml

 [*]    Alcuni membri della sua famiglia, bambinaia compresa, si sono seduti su di lei, otto persone in tutto e l’hanno schiacciata sotto il loro peso.
  La polizia chiamata da uno zio, si è trovata davanti ad uno spettacolo allucinante.  Uno degli agenti ha affermato.: ”Abbiamo trovato otto persone l’una sull’altra su di un letto. La vittima era immobilizzata sotto la pila umana, e le otto persone recitavano nenie”.
Il quotidiano malese The Star, afferma che il rito è durato oltre venti ore; quando la polizia e’ intervenuta purtroppo per la piccola non c’era più nulla da fare. Gli otto familiari, indagati per omicidio volontario, hanno tra i 16 e i 67 anni. …   http://www.nanopress.it/

Ma che cos’è un esorcismo?
Il dizionario recita così: Esorcismo = dal lat. tardo exorcismus;  Scongiuro mediante il quale la persona investita di un potere sacro si dichiara capace, in forza di questo suo potere o dell’invocazione di un essere soprannaturale, di scacciare una potenza avversa o malefica, con parole (formule), azioni (gesti) e oggetti.
 
È una pratica attuata da molte religioni, compresa quella cattolica, la quale consente l’e. solenne (o diretto), scongiuro che un ministro del culto, dietro speciale ed espressa licenza del vescovo, compie in nome della Chiesa, allo scopo di costringere il demonio a uscire da un ossesso. Per estens., nel linguaggio com., scongiuro in genere: fare gli esorcismi.    http://www.treccani.it/

Padre Gabriele Amorth è decano degli esorcisti nel mondo, è il più famoso attualmente perché promotore di tante "battaglie" sostenute tramite ospitate televisive, spazi in giornali nazionali, radio, internet,…

Ricordiamo i suoi rimproveri ai genitori che permettono ai propri figli, di immolarsi/consegnarsi al Diavolo, festeggiando Halloween:
– "… Halloween, una trappola del demonio, che le prova tutte!"
http://www.pontifex.roma.it/

Seguì la lotta contro le filosofie/religioni orientali ed alcuni beniamini dei ragazzi.
Infatti dichiarò più volte: “Fare yoga è satanico. Porta al male come Harry Potter”    http://www.ilfattoquotidiano.it/

Ma chi è Padre Gabriele Amorth?Il grande "Cacciatore" di Satana osannato dalla chiesa.
– … a guerra ancora in corso, era diventato partigiano entrando nelle frange modenesi della Brigata Italia e vedendosi attribuire, a conflitto concluso, una medaglia al valor militare.
Presbitero lo diventa nel 1954 e nel 1986, confluito nella diocesi di Roma, viene ordinato esorcista da un decano del “settore”, Candido Amantini.

Sarà padre Amorth a dare un’ulteriore strutturazione agli operatori anti-Satana, fondando nel 1990 l’associazione internazionale degli esorcisti e condividendo, ogni secondo mercoledì del mese, esperienze e racconti con gli ascoltatori di Radio Maria. … –
http://www.ilfattoquotidiano.it/
                                                  
                        {loadposition promo_contenuti}

Da una delle sue ultime pubblicazioni:
– … "Ogni volta che faccio un esorcismo entro in battaglia.
Prima di entrarvi indosso una corazza.
Una stola viola i cui lembi sono più lunghi di quelli che solitamente indossano i preti quando dicono messa.
La stola spesso la avvolgo attorno alle spalle del posseduto.
È efficace, serve a tranquillizzare i posseduti quando, durante l’esorcismo, vanno in trance, sbavano, urlano, acquisiscono una forza sovrumana e attaccano.
Quindi porto con me il libro in latino con le formule di esorcismo. Dell’acqua benedetta che a volte spruzzo sull’indemoniato. E un crocifisso con incastonata dentro la medaglia di san Benedetto. È una medaglia particolare, molto temuta da Satana. "… –

… Il demonio sembra non cedere. Ma il suo grido ora si attenua. Adesso mi guarda. Un po’ di bava gli esce dalla bocca. Lo incalzo. So che devo costringerlo a svelarsi, a dirmi il suo nome. Se mi dice il suo nome è segno che è quasi sconfitto. Svelandosi, infatti, lo costringo a giocare a carte scoperte. «E ora dimmi, spirito immondo, chi sei? Dimmi il tuo nome! Dimmi, nel nome di Gesù Cristo, il tuo nome!».

 È la prima volta che faccio un grosso esorcismo e, dunque, è la prima volta che chiedo a un demonio di rivelarmi il suo nome. La sua risposta mi raggela. «I’m Lucifer» dice con voce bassa e cadenzando lentamente tutte le sillabe. «Io sono Lucifero». Non devo cedere. Non devo arrendermi ora. Non devo mostrarmi spaventato. Devo continuare l’esorcismo con autorità. Sono io che conduco il gioco. Non lui. …

  … È a questo punto che accade un fatto inaspettato. Un fatto che non si ripeterà più nel corso della mia lunga «carriera» di esorcista. Il posseduto diventa un pezzo di legno. Le gambe stese in avanti. La testa allungata all’indietro. E inizia a levitare.
 Si alza in orizzontale di mezzo metro sopra lo schienale della sedia. Resta lì, immobile, per parecchi minuti sospeso nell’aria. Padre Massimiliano arretra. Io resto al mio posto. Il crocifisso ben stretto nella mano destra. Il rituale nell’altra. Mi ricordo della stola. La prendo e lascio che un lembo tocchi il corpo del posseduto. …
http://www.liberoquotidiano.it/

    Omicidio – Esorcismo. Anneliese è stata Uccisa ma nessuno ha "pagato"; bravi avvocati e giustizia "fallosa" lasciano in libertà gli assassini.

   A mezzanotte del 1º luglio 1976 Anneliese, come aveva predetto nelle sue lettere, morì a soli 24 anni. Prima di morire chiese al prete di pregare per lei; le ultime parole andarono alla madre alla quale chiese scusa.

L’autopsia rilevò come causa della morte la forte debilitazione causata da malnutrizione e disidratazione (al momento della morte pesava solo 30 kg).
Secondo gli agenti che svolsero le indagini e i medici che passarono al vaglio il caso, un’alimentazione forzata (tramite flebo) avrebbe potuto salvare la vita della giovane.

I genitori, il parroco e l’altro prete furono indagati per omicidio colposo. Il processo iniziò a marzo 1978 e si concluse con la condanna dei due chierici e dei genitori a 6 mesi di reclusione (con la condizionale) per negligenza  e omicidio colposo.

Una commissione di vescovi chiese espressamente alla Santa Sede di abolire il rito romano dell’esorcismo, ma la Chiesa si limitò a introdurre un nuovo rito nel 1998 chiamato De exorcismis et supplicationibus quibusdam. …
 http://it.wikipedia.org/

Esorcisti "moderni": Maria Clara Romano
– … Maria Clara Franca Settimia Romano nasce a Tropea in Calabria il 24 gennaio del 1942, settima figlia femmina di nove femmine consecutive. Al momento della nascita, ore 04,00 si verifica lo stesso allineamento di pianeti uguale a quello della nascita di Cristo. Ha il dono Divino della reincarnazione, conferito appunto alle settime figlie, che comporta il Potere Soprannaturale di Taumaturgia e Veggenza.

   Nello stesso istante della sua nascita scoppia un incendio nel cinema del padre e suona come un annuncio di un evento speciale (la nascita di Clara) e tale si dimostrerà.
Da quell’incendio ne e’ venuta una grande fortuna, perche’ l’assicurazione di allora pago’ al padre di Clara una ingente somma, oltre ad aver ricostruito interamente il cinema Vittoria; con quei soldi furono acquistati beni immobili tra cui l’`Arena Romano al centro di Tropea. …-
http://www.magiamagaclara.it/

    La libertà di pensiero o dicasi libero arbitrio, è fondamentale nella vita di ogni individuo.
Lascio a voi quindi ogni commento a quanto proposto.
Sono casi diversi, situazioni differenti,  i luoghi in cui si svolgono sono vari, eppure hanno un denominatore comune: il voler scaricare al Diavolo, eventuali "colpe" dettate spesso da paura di affrontare le proprie responsabilità.
E’comodo avere all’occorrenza un Diavolo a cui addossare le colpe delle proprie malefatte!
Il Diavolo non è "fuori" ma è "dentro" di noi; dobbiamo avere il coraggio, la tenacia e la coerenza  per affrontarlo e sconfiggerlo.
Attenzione,però, perche ognuno di noi è al 50% Diavolo e 50% Dio, eliminare uno dei due, significa eliminare metà di noi stessi!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.