REIKI.: Filosofia, Religione, Truffa o reale Alternativa?

0 744

Reiky. Il sogno di Usui    Il fondatore della pratica Reiki, sembra essere Mikao Usui, nato in Giappone nel 1865. Si racconta che dopo aver trascorso tre settimane di digiuno e meditazione sul Monte Kurama acquisì doti eccezionali per aiutare e curare le persone.                                     {loadposition promo_contenuti}

Usui si trasferì a Tokyo nell’aprile del 1922 ove fondò l’Usui Reiki Ryoho Gakkai.
Egli trasmise i suoi insegnamenti ad oltre duemila persone e nel corso della sua vita, formò 16 Maestri.

Uno dei suoi insegnamenti recita così: Reiky. Alla ricerca degli Equilibri e dell'Armonia
Il metodo segreto per invitare la fortuna
La meravigliosa medicina per ogni malanno
“Solo per oggi:
Non ti arrabbiare
Non ti preoccupare
Sii riconoscente
Lavora duro (per migliorare te stesso)
Sii gentile con gli altri
Ogni giorno e ogni notte, siediti nella posizione del Gassho (le mani giunte di fronte al torace, conosciuta anche come posizione di preghiera) e pronuncia queste parole a voce alta nel tuo cuore.
 – Per l’evoluzione del corpo e dell’anima, Usui Reiki Ryoho -"
Mikao Usui, il fondatore.  

Usui morì nel 1926 ed a lui seguì un suo studente, Chujiro Hayashi, il quale  lasciò il gruppo di Usui e formò una propria associazione.
Hayashi semplificò l’insegnamento del Reiki e lo rese  più popolare associando terapie fisiche a quelle dello spirito, sottolineandone connessioni e dipendenza tra loro. A lui sucedettero diversi Maestri, uomini e donne, alcuni ispirati dagli insegnamenti di Usui, altri dal portafoglio, che riempirono facendo pagare il conseguimento dei vari livelli di conoscenza, in modo spropositato e contravvenendo alle regole del Maestro.

Nel Tempio Saihoji che si trova nel Distretto Suginami di Tokyo, esiste un monumento commemorativo di Usui Sensei, costituito da un monolito collocato vicino alla tomba contenente le ceneri di Usui, della moglie e del figlio.
Contiene iscrizioni firmate dal Signor Ushida che parlano della vita di Usui e di come i principi di Reiki provengano dagli scritti dell’imperatore Meiji.
Il memoriale fu costruito pochi mesi dopo la morte di Usui e mantenuto fino ad oggi dalla Usui Shiki Reiki Ryoho Gakkai Giapponese.

Gli insegnamenti di Usui, scritti perchè tutti possano leggerli e ricordarliIl testo è il seguente:
Colui che si dedica con impegno allo studio e alla meditazione e lavora instancabilmente per migliorare il corpo e la mente allo scopo di diventare una persona migliore, è chiamato un uomo dalla grande anima.
Coloro che utilizzano questo dono per scopi sociali, ovvero indicare la retta via a molte persone e operare per il bene comune, sono chiamati maestri.
Usui era uno di questi maestri. Egli insegnò il Reiki Universale.
Innumerevoli persone andarono da lui e gli chiesero di insegnare loro la grande via del Reiki

Il nome Reiki deriva dalla pronuncia di due caratteri giapponesi che descrivono l’energia in sè:  rei’ (significante ‘l’al di là’ o ‘spirituale’) e ki (in cinese qi, qui nel significato di ‘energia’ o ‘forza vitale’).

In Occidente il termine Reiki è tradotto come Energia Vitale Universale che si può imparare e gestire, dai maestri per curarsi e curare, anima e corpo.

I fondamenti su cui si basa il Reiki
Tutti possono accedere all’Energia – Iniziazione
L’energia passa dal praticante al ricevente e viceversa
L’Energia si auto-alimenta in modi diversi
Il Reiki è un’Energia intelligente e che agisce a prescindere dalla diagnosi medica
L’insegnamento/pratica R permette di curare a distanza
I simboli servono a creare un canale/connessione tra praticante e ricevente
L’Energia Reiki non è vincolati agli spazi/distanze né al Tempo.
Il praticante può intervenire sia nel Passato che nel Futuro
L’Energia usata deriva ed è parte dell’Universo, per questo è Inesauribile
L’Energia entra attraverso un chakra e defluisce attraverso le mani
I praticanti hanno il potere/dote/dono di curare se stessi
Il Reiki include anche la medicina preventiva
Il Reiki è semplice e può essere insegnato anche ai bambini
Se il ricevente non è consapevole e consenziente bloccherà i benefici
Fonte Wikipedia

La Chiesa, non ha gradito l’espandersi velocemente di questa filosofia, tanto da dichiarare il Reiki, nella Conferenza Episcopale degli Stati Uniti  del 25 Marzo 2009, pratica incompatibile con la dottrina Cristiana condannando praticanti e riceventi e semplici simpatizzanti.

La Commissione per la dottrina della C.E. afferma :
la pratica Reiki è superstizione
non ha nessun fondamento scientifico
è in contrasto con la Fede Cristiana
il Reiki è una pratica tra spiritismo e channeling http://www.stazioneceleste.it/articoli/cosa_è_il_channeling.htm

Il Reiki attribuisce poteri di guarigione spirituale e fisica all’Uomo, in questo modo non riconosce il potere di Cristo, evita la Divina Grazia che si ottiene solo con la preghiera a Cristo, di conseguenza rende l’Uomo indipendente da ogni comandamento divino o meno e fautore del suo Futuro.

                            {loadposition promo_contenuti}   

Sintesi Personale:
Credo nella Legge degli Equilibri e quindi nello scambio delle energie; personalmente credo nella potenza del Pensiero o dicasi Fede;
ho sperimentato quanto una forte volontà e ben strutturata, possa Reiky e Chiesa. Conflitti umani che annebbiano verità divinecreare veri Miracoli Umani;
come in tutte le Religioni, Filosofie o Credo, il Reiki ha dei principi/insegnamenti condivisibili in gran parte, ma nel corso degli anni, a causa del dio denaro gli insegnamenti di Usui, in alcuni “gruppi” sono stati inquinati, riducendo tutto o in gran parte, ad un colossale business.
Ciò non esclude, che ci siano ancora molti bravi Maestri ed in buona fede
Quindi il Reiky è valido, quanto il Maestro che lo insegna.

Alcune cifre puramente indicative sui costi:
con 300/500 euro si ottiene il Primo Livello – Iniziazione
saliamo a 500/1.000 euro per il Secondo Livello
il Terzo Livello varia dai 3.000 ai 10.000 euro
Ogni trattamento “terapeutico” si paga a parte

Per chi vorrebbe criticare la richiesta del compenso, riporto (da Wikipedia) quanto dicono alcuni Maestri a riguardo :
–    "un buon insegnante è colui che adotta il buon senso,
–    ed è principalmente consapevole dei suoi limiti umani e delle sue insicurezze,
–    si farà sicuramente pagare cifre ragionevoli che gli permettano di fare una vita dignitosa,
–    senza mai eccedere nelle richieste e
–    ti darà anche un buon insegnamento in quanto sarà frutto della sua vera esperienza evolutiva"

Potete Credere o Non Credere,
l’Importante è che vi sia sempre riconosciuto il Diritto di Scegliere!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.