Pubblicato in Curiosità dal Mondo

Pipistrelli Vampiri o morbidi Criceti volanti

by on13 Agosto 2009 36263 volte


 Pipistrelli principi della notte  Chirotteri o meglio conosciuti come Pipistrelli. Animali della Notte, temuti, odiati, bersaglio di superstizioni assurde, ma anche protetti, per l’enorme contributo nell’equilibrio naturale; ricercati come ottimi caccia zanzare, rivalutati nell’immagine, da orribili vampiri a morbidi topini con le ali.
               (aggiornato immagini) Mercoledì, 16 Aprile '14  (***)    

                         
(***)

apipistrellirev01apipistrellirev04apipistrellirev05

 


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------



 



 




      I Pipistrelli sono mammiferi ed allattano i loro piccoli con molta cura.
Molto simili a criceti o topini pelosi nel corpo e nelle orecchie, sono dotati di ali sottili, costituite da una membra leggera sostenuta da “dita osse”. Le ali le usano per spostarsi ovunque. Gli occhi sono I Pipistrelli sembrano topini volantipiccoli e la vista è limitata, ma si orientano grazie ad all’udito molto sviluppato. Emettono degli ultrasuoni, che rimbalzando sugli ostacoli, permette loro di evitarli.

   La notte per loro è tempo di caccia, divertimento e amore, mentre durante il giorno si rifugiano tra gli alberi o nelle grotte per lunghi sonni ristoratori, dopo i bagordi notturni.

   Il loro menu è vario, anche a seconda della specie a cui appartengono. Divoratori di insetti, tra cui le zanzare, mangiano anche frutta, piccoli animali, alcuni pollini,… In America ci sono i Pipistrelli Vampiri che succhiano il sangue agli animali, da qui leggende, paure, superstizioni, che hanno relegato il Pipistrello al ruolo di animale malefico.
Per nostra fortuna in Italia, si limitano a zanzare e simili, a beneficio della specie umana.

    I Pipistrelli rischiano l’estinzione, a causa dell’uomo che ha distrutto o invaso i suoi ambienti naturali, con grattacieli, inquinamento,…
In Europa c’è il programma BAT, che si prefigge di salvarli e ad educare le persone a convivere e rispettare “i criceti volanti”.

  - Il Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze (ma non solo) sta promuovendo la diffusione di rifugi artificiali (casette di legno simili a quelle predisposte talvolta per gli uccelli) per aumentare il numero dei pipistrelli e ridurre le zanzare in città senza insetticidi tossici, la cui riduzione dovrebbe poi a sua volta favorire l'aumento dei pipistrelli.

Strani e diversi tra loro, i Pipistrelli variano anche nella scelta del cibo   In inverno i pipistrelli vanno in letargo in gruppo, rallentano tutte le attività corporee, incluso la frequenza respiratoria e il battito cardiaco, consumando così poca energia e sopravvivendo grazie alle riserve di grasso corporeo accumulate nella bella stagione. Con l'arrivo della primavera, cessa la fase di letargo: le femmine, dopo un certo tempo, si radunano in rifugi ove, tra giugno e luglio, danno alla luce i piccoli (in genere uno solo). Dopo poche settimane, i piccoli sanno già volare e vanno subito a caccia d'insetti. – (da Wikipedia)

    Per quanto concerne il Progetto BAT, la città di Saronno vi aderisce da tempo, costruendo casette in legno, così dette BAT-BOX, posizionate sui muri delle case e nei parchi cittadini, in vari punti della città. Bat-box La casetta per i Pipistrelli
I Pipistrelli ricambiano l’Ospitalità banchettando anche con 10 mila zanzare in una notte, allentando la fastidiosa invasione delle zanzare durante il periodo estivo dei saronnesi.

   Le Bat-box sono casette ma senza fondo, per permettere agli ospiti di dormire a testa in giù, come è loro abitudine, comodamente.

  Se ci spostiamo in altri continenti, tradizioni e leggende cambiano.
Se ci trasferiamo in Cina, il Pipistrello è un portafortuna. Se visto e vola nei pressi della propria casa, allunga la vita e garantisce felicità agli inquilini della casa. I Oriente viene rappresentato con il colore rosso, simbolo della gioia.
L’augurio di buon auspicio deriva anche dalla pronuncia cinese molto simile nei due termini, prosperità e pipistrello (fu-i e fu).
 
   Nella tradizione dei paesi africani, il pipistrello diventa la “porta” per comunicare con i morti o la fonte da cui estrarre il sangue per creare potenti pozioni.Pipistrelli Vampiri si cibano del sangue di animali chc assalgono nella notte
La Magia d’Africa è spesso crudele e violenta nella ritualistica. Teoricamente secondo la loro filosofia, più sono cruenti i rituali maggiore è la potenza dello stregone e migliori i risultati che ottiene.

  Volutamente tralascio la descrizione di alcuni riti sanguinari e rivoltanti oltre che inutili ed inefficaci.
Mentre interessante è la tradizione di trovare un luogo lontano da luci e rumori artificiali, nelle notti di Luna calante, ed attendere il volo dei Pipistrelli. Dopo aver segnato con foglie aromatiche e bacche un cerchio, si deve entrare nel cerchio e sedersi al centro rivolgendosi a Sud ed attendere il “contatto”.


                            


   Se la persona è animata da energie o spiriti positivi, sarà un Pipistrello a comunicare immagini, suoni e messaggi, che provengono dal Regno dei Morti.  
Se chi entra nel cerchio è negativo o scuro nell’anima, verrà punito dal pipistrello e sarà trasformato in un vampiro, dopo esser stato morso da lui stesso, condannando il mal capitato alle tenebre eterne.

Disegnare un Pipistrello porta Fortuna     Se per caso vi capita di avere un incontro troppo ravvicinato con un topino volante, non uccidetelo.
Uccidere un pipistrello, porta maledizioni e disgrazie.
Disegnarne uno o ospitarlo pacificamente, protegge la casa e favorisce la fortuna.

      Ultima curiosità: si narra in molti paesi, che alcune streghe abbiano la facoltà di trasformarsi in pipistrelli in particolari occasioni e c’è chi è pronto a testimoniare di aver assistito alla loro trasformazione.

    Sintesi personale: sono animaletti molto carini, “puffosi” e curiosi.
Gli unici che non amo sono i Pipistrelli Vampiri americani. Sono più brutti, aggressivi e sgraziati; per ora vivono sufficientemente lontani e quindi le notti italiane rimangono tranquille, ed anche le mie!